Galleria

Trattoria Bar Bibo 08.07.2012 il pranzo.

Non è una novità per me Bibo, ma è ancora piacere.

Se la prima esperienza fu “clandestina”, quest’ultima, invece, si è svolta alla piena luce del giorno, con il locale al completo (fortunatamente avevamo prenotato, tanta gente ha dovuto rassegnarsi…), e la cucina a pieno regime (sapeste che aroma di fuoco e carne all’esterno…).

Dalla mia ultima visita ci sono stati dei cambiamenti nel locale, ora nella sala d’ingresso ci sono due bei frigo a parete che custodiscono “cerdo iberico”, e al posto della saletta “edicola” ora c’è una saletta da pranzo che dovrebbe essere zona fumatori. Novità anche sugli scaffali alle spalle del banco, dove si può notare un’interessante selezione di thè.

E ormai passato un po’ di tempo dalla visita, ed alcuni dettagli si sono persi nel tempo tra i paesi del nord, e dell’est, causa trasferte varie, quindi ecco note e foto…

Battuta al coltello di piemontese di Zivieri: carne rosa tagliata a pezzi generosi, che si sentono sotto ai denti, condita con olio pianogrillo particella 34 e sale di Maldon;

Il cestino del pane prpone focaccia salata e generosamente unta d’olio, pane dalla consistenza piacevole già al tatto e giustamente “sciocco” per accompagnare al meglio i prosciutti (prosciutto crudo toscano (grigio e …), agliata: a mio parere il migliore degli affettati è stato proprio il … dalla consistenza “scioglievole” e gustosissimo. Particolare “l’agliata” … profumata d’aglio e con la nota piccante del peperoncino;

Jöselito, paleta e Pata negra:

Assaggio di primi.

Gnudi di ricotta e spinaci al burro e salvia con semi di papavero:

Tortelli di patate olio e pepe: La sfoglia della pasta ripiena viene tirata sul momento, utilizzando farina … macinata a pietra. semplice ma non banale con l’olio Pianogrillo particella 34, ed un buon pepe fresco che esalta la dolcezza delle patate; queste ultime sono ben presenti anche come consistenza nel ripieno proponendosi , a tratti, come briciole croccanti;

Tortelli di patate al ragù bianco: bianco perché non c’è pomodoro … consistenti pezzetti di carne tagliata a coltello, con cipolla (?) ed il ricordo dell’alloro. Ottimi.

La scelta per il secondo si fa ardua, ci vengono proposti quattro “pezzi di carne”; la descrizione di ognuno è fatta con attenzione, utilizzando una terminologia pari a quella che potrebbe utilizzare un sommelier parlando di vino.

Essendo solo in quattro, ed avendo già affrontato antipasti e primi, optiamo per il più piccolo dei tagli, un “limusino” con delle belle vene di grasso, e per il quale “ci vorrà un morso in più” rispetto alla grossa bistecca di bavarese che tentava un po’ tutti dopo aver sentito definirla “burrosa” … ripulito anche l’osso del limusino ci siamo chiesti cosa dovesse essere la bavarese …

Fagioli zolfini come contorno.

Altra sorpresa inaspettata il thé prima del dolce. Dalla varia selezione, dopo lungo discutere tra chi ci serviva ed uno dei commensali, si giunge alla scelta definitiva, un thé cinese Oolong (non so se special), profumi e sapori che ancora non conosco, ma scelta molto ben riuscita.

E per terminare…

Mi sono dimenticato del bere, oltre l’aperitivo…

Godurioso, di una beva così facile che ci stava anche la terza bottiglia.

Trattoria Bar Bibo

Via Traversa, 454

50033 Firenzuola, Firenze

Telefono 055 815231

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...